Paesi Emergenti 26 – 30 Ottobre 2015

 Paesi Emergenti

Cina, nuovo piano sulla distribuzione delle energie rinnovabili:

Il Governo cinese punta ad aumentare la distribuzione di energia prodotta da fonti rinnovabili con un upgrading delle infrastrutture al fine di evitare dispersioni nell’utilizzo di energia pulita. Lo ha comunicato la Commissione Nazionale per lo Sviluppo e le Riforme in una nota emessa a pochi giorni dall’inizio del plenum del Comitato Centrale del PCC (Partito Comunista Cinese), che vedrà i massimi dirigenti politici nazionali occupati a sistemare i piani di sviluppo del periodo compreso tra il 2016 e il 2020. Il progetto concerne, in particolar modo, gli impianti solari ed eolici: nella prima metà del 2015, più del 15% dell’energia prodotta dai parchi eolici è andata dispersa. Il Governo ha chiesto alle autorità locali di Mongolia Interna e Gansu, nel nord del Paese, di accelerare i piani al fine di risolvere celermente il problema, dando la priorità a fonti alternative di energia rispetto a quelle convenzionali, come carbone ed energia idroelettrica, abbassando i prezzi delle forniture di energia per uso industriale e aumentando il numero di edifici a uso residenziale connessi alla rete di distribuzione;

Ghana, gli investimenti stranieri sostengono la crescita economica:

Il numero di progetti di investimento in Ghana è aumentato negli ultimi anni, portando un cospicuo contributo alla crescita economica di tutta la regione occidentale africana. Secondo le statistiche del Centro ghanese per la promozione degli investimenti (Gipc), sono 38 i nuovi progetti registrati nel primo quadrimestre del 2015 in tutto il Paese, per un valore complessivo di 1 miliardo e 150 milioni di dollari. Circa l’80% di questi progetti sono stati finanziati nella regione di Accra mentre solo 3 progetti fanno parte della regione di Ashanti. I principali settori interessati da tali investimenti sono l’agricoltura e la lavorazione di prodotti agricoli, la manifattura, le tecnologie della comunicazione e dell’informazione (Ict), il turismo, le infrastrutture e l’energia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.