BREAKING NEWS – Nagorno-Karabakh, escalation di violenza

nagorno-karabakh

Photo source: Artsakh Press, fonte diretta dalla zona della Repubblica del N-K

ITA – Nagorno-Karabakh, ostilità tra militari armeni e azeri

Nuova escalation di violenza nella regione del Nagorno-Karabakh l’ultima notte. Truppe armene e azere si accusano vicendevolmente di aver iniziato scontri militari causati da possibili avanzamenti (sebbene di alcuni metri) di cingolati armeni, con risposta azera con colpi di mortaio e operazioni aeree. Il Presidente Putin da Mosca sembra aver già contattato le due parti nel tentativo di evitare una nuovo inizio di un conflitto apparentemente congelato. Attualmente è in corso un Consiglio di Sicurezza a Yerevan e il Presidente armeno Sargsyan è in viaggio di ritorno dagli USA. Si parla attualmente di un ragazzo armeno di 13 anni morto e di un numero imprecisato di militari armeni.

ENG – Nagorno-Karabakh, hostilities between Armenian and Azerbaijani troops

Hostilities between Armenian and Azerbaijani troops along the Southern, South-Eastern and North-Eastern directions of the Line of Contact began in the early 2nd April. Apparently, in the “frozen conflict” of the Nagorno-Karabakh region, both Armenians and Azerbaijani used overnight mortars and heavy machine guns, as well as tanks artillery and military aircraft, during the peak of warfare scenario. Russian President Vladimir Putin has called on all sides in the conflict to immediately cease hostilities. According to the last Official Statement, currently clashes on the frontline in Nagorno Karabakh continue. A 13-years-old Armenian person died during the attacks, whilst it is still unknown the number of killed Armenian soldiers.

1 comment

  1. Pingback: Nagorno-Karabakh: l'analista di Alpha Francesco Trupia a Stepanakert - Geopolitical reviewGeopolitical review

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.